2019-01-05 – Commento di Sabato

Da Nàzaret può mai venire qualcosa di buono? ||| Nella prima lettura Giovanni ci offre una bella lezione sulla carità, sull'amore verso il prossimo. Modello di questo amore certamente non è Caino, ma colui che è capace di dare la propria vita per il fratello, come ha fatto Gesù. Questo amore ci porta ad amare anche quelli che interessiamo poco e dare ai bisognosi quanto è loro necessario, nei limiti delle nostre possibilità… Egli ci illumina anche sul mistero della cattiveria umana: un cuore inquieto, senza pace, turbato è capace di compere qualunque scelleratezza… come Caìno. Forse l'esperienza in merito conferma quanto sopra. Chi ha coscienza della propria tranquillità, chi vive nella serenità… non commette il male contro il fratello. Come guarire dalla nostra inquietudine che ci spinge a ribellarci a Dio e al prossimo? Si potrebbe trovare la risposta dal brano del Vangelo che oggi viene proposto alla nostra riflessione. Filippo viene chiamato da Gesù a seguirlo. Egli incontra Natanaele al quale annunzia, pieno di gioia, di aver trovato il Messia, Gesù da Nàzaret. Con tono sprezzante Natanaele dice: Da Nàzaret può venire mai qualcosa di buono? E Filippo: Vieni e vedi! Natanaele va e resta immediatamente conquistato dalla persona di Gesù, riconoscendolo come Figlio di Dio… Il suo cuore è cambiato… non più alterigia e disprezzo… ma umile confessione della propria scostante sicurezza. L'esperienza di fede è la via maestra per ritornare a Dio… per rivestirsi dei sentimenti di amore verso il Signore e verso il prossimo: «Vieni e vedi!» La fede è un dono di Dio, non si può spiegare… si può però manifestare attraverso scelte concrete… Ma ognuno ha bisogno di poter dire: Ora credo perché ho sperimentato le verità che credo. In questa certezza trovo la mia pace e la mia benevolenza verso tutti.