D I E S – N A T A L I S

NATALE   DEL  SIGNORE 

di  Roberto Laurita

All’ inizio di questo giorno anche noi, come i pastori, vogliamo andare a Betlemme.  E’ lì, GESU’, che tu ci dai appuntamento e ti fai

incontrare non nella forza,ma nella fragilità, non nella ricchezza, ma nella povertà.   E’ lì GESU’, che tu ci disarmi e ci inviti a spogliarci

di ogni sogno di potenza, di ogni volontà di dominio, di ogni orgoglio e   superbia per accoglierti così come ti riveli in un bambino

bisognoso di tutto che è il vero Signore della storia.

All’ inizio di questo nuovo giorno anche noi, come i pastori, vogliamo vedere il segno offerto a tutti coloro che si lasciano condurre

dall’ annuncio dell’angelo e trovare te, bambino, adagiato nella mangiatoia.  E scoprono che la parola ricevuta ha trovato puntuale

riscontro, che la promessa si è realizzata, che al di là delle apparenze  Dio guida  veramente la storia.

Oggi, GESU’, è  quì veramente Betlemme: quì il luogo in cui tu, vivo e risorto, parli al nostro cuore e fai intendere la tua voce, quì la

“casa del pane”  in cui tu ti offri come cibo che dà forza.