COMUNICATO

La comunità parrocchiale di Santa Maria di Casarlano si stringe con l’affetto e la preghiera alle famiglie delle vittime della strage di Genova. Per tale motivo, in accordo con l’Associazione Amici di Casarlano, decidiamo di annullare gli spettacoli del 18 Agosto aderendo al Lutto Nazionale. Resteremo aperti al punto ristoro dando la possibilità per chi sale di fermarsi. Gli spettacoli riprenderanno da programma il 19 Agosto alle 21. Il parroco e Amici di Casarlano

SALUTO DEL NUOVO PARROCO

Ai cari fedeli della parrocchia di Santa Maria e a tutti i cari abitanti delle zone di Casarlano, Cesarano, Baranica e Picco S. Angelo.

Il nuovo incarico a cui don Fabio si dedicherà ha richiesto la nomina di un nuovo pastore per la vostra comunità. Il vescovo Franco ha, così, chiamato me a guidare la parrocchia di Casarlano che, già da ora, posso dichiarare non più solo la ‘vostra’, ma la ‘nostra’ parrocchia.

Sono sacerdote già da un buon numero di anni; ho svolto vari compiti ed ho assunto responsabilità in altre sei parrocchie. Posso dire, però, che questa ormai lunga esperienza non alleggerisce affatto la trepidazione per l’avvio di questa nuova missione che mi è affidata.

Non conosco voi e voi non conoscete me; tuttavia, molto presto questa difficoltà sarà superata per camminare insieme dietro l’unico Maestro che ci chiama tutti ad essere suoi discepoli, seppur nella diversità di ruoli e di carismi. Copiando sant’Agostino, posso, quindi, subito ripetere: «‘con voi’ sono cristiano, ‘per voi’ sarò parroco».

Inviato dal vescovo, vengo tra voi per svolgere un compito che unirà il mio itinerario sacerdotale al vostro cammino cristiano. Sarò con voi come cristiano e come pastore, starò in mezzo a voi come prete e come uomo.

Non è certamente questo il momento per dilungarsi anche perché non amo le pianificazioni. Anzi, faccio subito mie queste parole: «vengo a voi con semplicità di parole e senza troppe capacità» (cfr. 2Cor 2,1), confidando, pertanto, nella vostra benevolenza e chiedendovi una maggiore dose di pazienza.

Io apprezzerò le vostre sensibilità e apprenderò le vostre storie e voi conoscerete in me tanto i desideri e le scelte del prete quanto il carattere e le attitudini dell’uomo.

Sappiamo che ogni cristiano deve, sopra ogni cosa, piacere a Dio (cfr. At 5,29) ed evitare di omologarsi alla mentalità comune (cfr. Rm 12,2). È ciò che auguro a ciascuno di voi. Sappiamo anche che un pastore della Chiesa deve innanzitutto preoccuparsi di conformarsi a Colui che rappresenta e di non aver paura di annunciare la Verità. È ciò che chiedo al Signore Gesù per la mia vita, ma anche per il vostro bene.

Pensando a tutti voi e alle vostre famiglie, immaginando il tempo che vivremo insieme — condivideremo tanti momenti lieti, l’intensità della liturgia ed anche gli inevitabili momenti tristi, propri della vita terrena — invoco a sigillo di tutto ciò che saremo chiamati a sperimentare lo sguardo della Madre del Verbo Incarnato, amata ed invocata con il titolo di Santa Maria di Casarlano.

don Beniamino

 

APERTI PER FERERIE 2018

Venite a me

Venite a me

28Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. 29Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 30Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero.

Matteo 11, 28-30